Sul nostro sito utilizziamo cookies tecnici, indispensabili per il funzionamento del sito. Questo tipo di cookies non necessita del consenso dei navigatori. Mentre utilizziamo cookies di terze parti per i banner pubblicitari e per raccogliere informazioni statistiche. Questo tipo di cookies necessita del consenso dei navigatori. Il consenso si intende accordato anche in modo implicito se l'utente prosegue la sua navigazione nel sito.

Il Signore ti dia pace!

Sorella Terra: Ecologia, ma non solo

Sta per entrare nel vivo “Sorella terra”, il Festival francescano, organizzato dai frati dell'Emilia Romagna, che quest'anno si pone come il primo grande evento pubblico sui temi della nuova enciclica sul creato, di papa Francesco. Dal 25 al 27 settembre, il centro della città di Bologna vedrà più di 100 iniziative gratuite, tra conferenze, workshop, incontri con gli autori, attività per bambini, spettacoli dedicati alla spiritualità. I nomi dei protagonisti sono importanti: Romano Prodi, il regista Pupi Avati, il chimico Vincenzo Balzani, il poeta Alberto Bertoni, il fisico Carlo Cacciamani, il filosofo Massimo Cacciari, il teologo Paolo Curtaz, Alex Zanotelli, lo storico Jacques Dalarun, l'architetto Wittfrida Mitterer, l'attrice Amanda Sandrelli, e molti altri. Un appuntamento giunto alla settima edizione, che ha già toccato Reggio Emilia e Rimini, e la cui caratteristica è essere “itinerante”, come lo sono i frati. 

Leggi tutto...

La Bellezza che non passa inosservata

Ogni volta che entro in chiesa da solo per aprire il portone, appena la guardo, m'incanta. Dorme pochissimo, lavora all'inverosimile, attende tantissimo. Dall'aurora al tramonto mette in fila una serie di verbi che risponde ad un susseguirsi impressionante di azioni, degna delle migliori prestazioni atletiche: pulisce, lava, cucina, prepara, stira, sbraita, s'arrabbia, s'addolcisce, telefona, guida, innaffia, accarezza, consiglia, investe, gioca, sorride, stende il bucato, organizza, pianifica, s'ingegna. 

Leggi tutto...

Festa di Sant'Antonio di Padova 2015

Carissimi,

con il suo Magistero Papa Francesco quest’anno ci sta guidando nella meditazione del dono della Vita Consacrata per tutta la Chiesa di Dio, sottolineando con forza quanto espresso in passato, di come “esperti di comunione, i religiosi sono chiamati ad essere, nella comunità ecclesiale e nel mondo, testimoni e artefici di quel progetto di comunione che sta al vertice della storia dell'uomo secondo Dio. Innanzitutto, con la professione dei consigli evangelici, che libera da ogni impedimento il fervore della carità, essi divengono comunitariamente segno profetico dell'intima unione con Dio sommamente amato. Inoltre, per la quotidiana esperienza di una comunione di vita, di preghiera e di apostolato, quale componente essenziale e distintiva della loro forma di vita consacrata, si fanno 'segno di comunione fraterna'. Testimoniano infatti, in un mondo spesso così profondamente diviso e di fronte a tutti i loro fratelli nella fede, la capacità di comunione dei beni, dell'affetto fraterno, del progetto di vita e di attività, che loro proviene dall'aver accolto l'invito a seguire più liberamente e più da vicino Cristo Signore, inviato dal Padre affinché, primogenito tra molti fratelli, istituisse, nel dono del suo Spirito, una nuova comunione fraterna" (Congregazione per gli Istituti di Vita consacrata e le Società di Vita Apostolica, Vita Fraterna in comunità, n°10).

S. Antonio ci sprona e ci esorta a vivere nella gioiosa comunione con Dio e con i nostri fratelli. Ci uniamo nel ringraziare il Signore per il dono dell’amore fraterno, dandoci appuntamento in questo tempo di grazia che vuol essere per ciascuno occasione di conversione alla gioia piena del Signore Risorto. Auguri.

Leggi tutto...

Marcia Francescana 2015

La Marcia Francescana è un cammino di dieci giorni per giovani dai 18 ai 32 anni circa, che desiderano impegnarsi in un breve itinerario spirituale per dare luce alla propria vita interiore e così raggiungere a piedi la meta di Assisi che coinvolge ogni anno qualche migliaio di giovani di tutta Italia e dell’Europa. 

Leggi tutto...

Inizia oggi il Capitolo Generale dei Frati MInori

Fin dai primi passi posti nel mondo a partire da Assisi, il nascente Ordine dei Frati Minori si riuniva periodicamente in Capitolo intorno alla Porziuncola. Alcuni Capitoli sono particolarmente noti (cf. il Capitolo delle Stuoie) per l’importanza che hanno assunto per la Fraternità mondiale che con Francesco vivente si confrontava sulla propria vita e come meglio servire il Vangelo.

Inizia oggi il Capitolo generale dei Frati Minori che si terrà a Santa Maria degli Angeli, ancora intorno alla Porziuncola, da oggi, 10 maggio, al 7 giugno. Un tempo lungo e denso di attività per i Ministri provinciali che da tutto il mondo giungono per riunirsi con l’attuale Ministro generale ed il Definitorio.

Una serie di lavori che prevedono un primo momento di ascolto della situazione attuale, così come sarà riportata dagli attuali organi di governo dell’Ordine che ne hanno avuto responsabilità in questo sessennio passato. Preziosi strumenti di partenza per discutere su come vivere con frutto e fedeltà la nostra vocazione di Frati Minori.

Secondo il programma, nella mattinata di giovedì 21 maggio ci sarà l’elezione del Ministro generale, a cui seguirà – nei giorni successivi – quella del Vicario e dei Definitori. I Frati Minori potranno, così, celebrare insieme la Festa di Pentecoste con il nuovo governo dell’Ordine alla Porziuncola.

Per i momenti di maggior importanza, quale l’apertura e la chiusura del Capitolo e domenica di Pentecoste, vi sarà una liturgia eucaristica comune nella Basilica della Porziuncola. Durante gli altri giorni si pregherà insieme nei vari gruppi linguistici celebrando, a turno, la S. Messa nella cappella della Porziuncola. Sono previsti anche momenti di preghiera a San Damiano, Santa Chiara e alla Basilica di San Francesco.

Ci saranno anche dei momenti ricreativi. Uno del tutto speciale, perché ricreativo dello spirito, sarà l’Udienza che Papa Francesco ha concesso ai Frati capitolari durante la terza settimana del Capitolo.

A tutti gli amici e simpatizzanti di Francesco d’Assisi, a coloro che hanno a cuore il bene dell’Ordine e di tutta la Chiesa, ed in particolare ai fratelli dell’OFS, chiediamo di pregare fin da oggi perché scenda lo Spirito Santo – che Francesco amava definire “Ministro generale dell’Ordine” – sui Frati capitolari e li trovi docili per accogliere la Volontà del Padre.

Vieni, o Spirito Creatore,
visita le nostre menti,
riempi della tua grazia
i cuori che hai creato.

O dolce Consolatore,
dono del Padre altissimo,
acqua viva, fuoco, amore,
santo crisma dell'anima.

Dito della mano di Dio,
promesso dal Salvatore,
irradia i tuoi sette doni,
suscita in noi la parola.

Sii luce all'intelletto,
fiamma ardente nel cuore;
sana le nostre ferite
col balsamo del tuo amore.

Difendici dal nemico,
reca in dono la pace,
la tua guida invincibile
ci preservi dal male.

Luce d'eterna sapienza,
svelaci il grande mistero
di Dio Padre e del Figlio
uniti in un solo Amore.

Amen.

 

V. Manda il tuo Spirito e sarà una nuova creazione.

R. E rinnoverai la faccia della terra.

 

Preghiamo:

O Dio, che hai istruito i tuoi fedeli, illuminando i loro cuori con la luce dello Spirito Santo: concedi a noi di avere nello stesso Spirito il gusto del bene e di godere sempre del suo conforto.
Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

Cos'è un Capitolo?

Dal 8° secolo i monaci benedettini si radunavano, dopo l’ora di Prima nella prima mattinata, per ascoltare la lettura di un “capitolo” (capitulum) of the Rule for Monks of St. Benedict. Poco a poco, lo stesso raduno della comunità monastica veniva designato “il capitolo” (del monastero), e il luogo dove si radunava “la sala capitolare.”

Nei monasteri c’erano due tipi di capitolo. Uno serviva per la consultazione: l’abbate o abbadessa chiede il consiglio della comunità in riguardo ad un argomento. L’altro tipo di capitolo serviva per la formazione: l’abbate o l’abbadessa faceva un commento sul significato del brano della Regola appena letto.

Il “Capitolo generale” fu stabilito dai monaci Cistercensi nel 1195. Tutti gli abbati cistercensi si radunarono una volta all’anno nell’abbazia di Cîteaux, Francia. Nel 1215 il Concilio Laterano IV (nel canone 18) ha stabilito che tutti gli Ordini religiosi celebrino “capitoli” a scadenza regolare (annuale, triennale, ecc.) seguendo l’esempio dei Cistercensi, come mezzo di promuovere la riforma della vita religiosa.

Così la parola “capitulum” nei tempi di san Francesco aveva già acquistato un significato e godeva di una lunga e variata tradizione. Dal 1209 fino al 1217, circa, si celebrava un “Capitolo generale” due volte l’anno: nella festa di Pentecoste (maggio-giugno); e nella festa di san Michele (29 settembre). In un periodo successivo (1218-1223) i Ministri d’Italia e regioni confinanti celebravano ogni anno un capitolo a Pentecoste, e si celebravano anche “capitoli provinciali” ogni anno nella festa di san Michele. Ogni tre anni i Ministri delle Province “oltre le Alpi” assistevano al “capitolo generale” alla Porziuncola. La nostra solita pratica oggi stabilisce un Capitolo nella Provincia o Custodia ogni tre anni, e un Capitolo generale ogni sei anni.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS