Sul nostro sito utilizziamo cookies tecnici, indispensabili per il funzionamento del sito. Questo tipo di cookies non necessita del consenso dei navigatori. Mentre utilizziamo cookies di terze parti per i banner pubblicitari e per raccogliere informazioni statistiche. Questo tipo di cookies necessita del consenso dei navigatori. Il consenso si intende accordato anche in modo implicito se l'utente prosegue la sua navigazione nel sito.

Il Signore ti dia pace!

La Gi.Fra. in cammino In evidenza

"Ho il cielo dentro al cuor" è il nome del pellegrinaggio fatto qualche settimana fa dalla Gioventù Francescana di San Bartolomeo in Galdo. I ragazzi, guidati dai loro animatori e dall'Assistente Fra Michele, si sono messi in viaggio per conoscere i luoghi dove Francesco e Chiara hanno vissuto, così in umiltà e semplicità hanno preparato lo zaino e come "piccoli" (si fa per dire) marciatori si sono diretti ad Assisi. 

 

Gli imprevisti non sono mancati, soprattutto il primo giorno,  ma il gruppo ha saputo affrontarli con serenità e fede, senza lasciarsi scoraggiare, neppure quando intorno a loro c'era solo un campo di grano e l'ombra di due querce, la meta sembrava così lontana, ma sempre vicina ai loro cuori.

Alla fine ci sono riusciti: sono arrivati; dal finestrino del pullman finalmente si intravede la città dove tutto è iniziato. Allora eccoli pronti, lo zaino in spalla e l'impazienza di arrivare, l'alba è passata da un pó lasciando nel cielo delle chiazze sbiadite, come se non avesse voglia di svegliarsi del tutto neppure lui, però la Gi, Fra, è già in cammino e pregando, cantanto e meditando finalmente arriva sulla tomba di Francesco, davanti al crocifisso di San Damiano, sulle spoglie mortali di Santa Chiara, in Porziuncola, la preghiera riempie i loro cuori e annulla la stanchezza. 

Hanno imparato il significato della frase "Tu sei bellezza" guardando la luce negli occhi di suor Chiara, e sono rimasti affascinati dall'imponenza della natura al Santuario della Verna, si sono inginocchiati a pregare nella cappella dove San Francesco ha ricevuto le Stimmate, e hanno meditato sui luoghi dove Lui si isolava per pregare. 

Non sono mancati momenti di fraternità e condivisione, e così tra risate,  prese in giro, le immancabili foto a chi dorme con la bocca aperta sul pullman e le rotolate sull'erba,  il gruppo si prepara a tornare a casa. Gli occhi lucidi e il magone caratterizzano in parte il viaggio di ritorno. 

Manca solo un'ultima tappa: le cascate delle Marmore, il fascino di questo luogo è inspiegabile e riporta la mente a Sor' Aqua, la meraviglia illumina i volti di tutti, e senza pensarci due volte ecco che si lanciano nel tunnel degli innamorati e ne escono "un pó bagnati",  l'amore di Dio riempie i loro cuori e li fa traboccare di gioia.

Le esperienze vissute in questi giorni, hanno aiutato la Gi.Fra. a crescere insieme, e gli hanno donato la forza necessaria per affrontare l'anno fraterno che sta per iniziare, più uniti che mai.

 

 

Ultima modifica ilLunedì, 19 Agosto 2013 14:34
  • Vota questo articolo
    (0 Voti)
  • Pubblicato in Gi.Fra.
  • Letto 6569 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti
Torna in alto