Sul nostro sito utilizziamo cookies tecnici, indispensabili per il funzionamento del sito. Questo tipo di cookies non necessita del consenso dei navigatori. Mentre utilizziamo cookies di terze parti per i banner pubblicitari e per raccogliere informazioni statistiche. Questo tipo di cookies necessita del consenso dei navigatori. Il consenso si intende accordato anche in modo implicito se l'utente prosegue la sua navigazione nel sito.

Il Signore ti dia pace!

Celebrazione dell´VIII Centenario della nascita di Sant´Elisabetta d´Ungheria

  • Categoria: O.F.S.
  • Pubblicato Lunedì, 05 Novembre 2007 23:45
  • Visite: 5666
Sant'Elisabetta, Regina d'Ungheria e Patrona OFS{xtypo_dropcap}D{/xtypo_dropcap}al 7 al 18 novembre il Convento di Santa Maria degli Angeli in San Bartolomeo in Galdo vivrà un grande momento di fede e spiritualità francescana. Ospiterà infatti nella omonima Chiesa le reliquie di Santa Elisabetta d’Ungheria, Patrona dell’OFS.

Elisabetta, “la principessa dei poveri” – per citare il titolo della biografia a lei dedicata da Gianpietro Zatti (Messaggero di Padova, 2006) - nacque nel 1207 da Andrea II, re di Ungheria. A quattro anni fu portata nel castello di Wartburg in Turingia, promessa sposa dell’undicenne Ludovico IV. Quando aveva nove anni perse la madre, Gertrude di Merano, assassinata in un attentato. A quattordici anni divenne sposa di Ludovico IV, langravio di Turingia, a quindici era già madre. A venti anni, mentre era in attesa dell’ultima bambina, il marito morì di malaria ad Otranto, dove si trovava per partecipare alla Crociata. Rimasta vedova con tre figli, fu espulsa dal castello e privata dei beni ed anche dei figli. Il venerdì santo del 1227 si fece Terziaria Francescana e consacrò totalmente la sua vita a Dio e al prossimo. Dedita alla meditazione delle cose celesti e avendo abbracciato, dopo la morte del marito, una vita di povertà, costruì un ospedale in cui ella stessa serviva i malati. Dopo quattro anni di questa vita di dure penitenze e grande carità verso poveri e bisognosi, morì nel 1231, appena ventiquattrenne, considerandosi una donna felice…     La visita della reliquia della Santa Patrona è molto attesa e molto sentita a S. Bartolomeo. C’è qui in effetti il gruppo più numeroso del Terz’Ordine di tutta la Provincia Francescana Sannito-Irpina.    Di conseguenza, per l’importante evento, è stato predisposto un nutrito programma di celebrazioni.

   7 novembre, 16,30: arrivo della reliquia della Santa, cerimonia d’accoglienza e Santa Messa.

   8 novembre, 17,30: Santa Messa per gli ammalati.

   9 novembre, 17,30: Santa Messa seguita dalla proiezione del film “Sant’Elisabetta” .

  10 novembre, 16,00: S. Messa alla Casa di Riposo, poi S. Messa in Convento quindi Veglia di preghiera.

   11 novembre, 10,30: Celebrazione conclusiva e partenza della Reliquia.

   14-16 novembre: triduo in onore di S.Elisabetta.

   17 novembre: Festa di S. Elisabetta celebrata nella Basilica di Maria SS. Delle Grazie in Benevento con la partecipazione di tutte le Fraternità dell’OFS della Provincia Sannito-Irpina.

   18 novembre Festa di Sant’Elisabetta celebrata al Convento di S. Bartolomeo.

   Sarà,  quest’ultima, la giornata conclusiva. E per festeggiarla degnamente, quasi a coronamento fruttuoso di tutto il percorso, durante la celebrazione della S. Messa faranno la loro professione nel Terz’Ordine numerosi novizi della Fraternità locale. Entreranno così stabilmente nell’OFS di S. Bartolomeo i signori Antonio Agostinelli, Marcello Agostinelli, Paola Anzuino, Silvana Catullo, Antonella Coduti, Arianna D’Andrea, Marinella Del Re, Gianpaolo Papa, Salvatore Pepe, Antonio Ricci e Silvestro Saturnino; mentre chiederanno di intraprendere il cammino del noviziato Assunta Ruggiero, Franco e Marilena Ruggiero e Michelina Casiero. Deus omnes benedicat.

                                                                                                                                 Augusto Colucci