Sul nostro sito utilizziamo cookies tecnici, indispensabili per il funzionamento del sito. Questo tipo di cookies non necessita del consenso dei navigatori. Mentre utilizziamo cookies di terze parti per i banner pubblicitari e per raccogliere informazioni statistiche. Questo tipo di cookies necessita del consenso dei navigatori. Il consenso si intende accordato anche in modo implicito se l'utente prosegue la sua navigazione nel sito.

Il Signore ti dia pace!

in attesa...

  • Categoria: O.F.S.
  • Pubblicato Martedì, 02 Dicembre 2008 00:54
  • Visite: 5001

Il Ministro e l'Assistente della fraternità accolgono la Professione dei nuovi fratelliI festeggiamenti in onore della patrona Santa Elisabetta d´Ungheria con la Professione della Regola di quattro fratelli e l´ammissione al noviziato di altri undici, come ogni anno, ci spalanca le porte all´Avvento.

Un Avvento da vivere in pienezza sulla scorta di ciò che abbiamo interiorizzato nell´incontro formativo regionale dell´O.F.S., sabato 29 novembre a Benevento, quando ci siamo ritrovati a riflettere sulle incredibili conversioni di Francesco d´Assisi e Paolo di Tarso. Nel pomeriggio, poi, l´intera Famiglia Francescana di Campania e Basilicata si è stretta in un abbraccio caloroso attorno al Ministro Generale dei Frati Minori,  Fr. Josè Rodriguez Carballo che in una {mosimage}riflessione semplicemente profonda ci ha ricordato con ferma dolcezza gli aspetti fondamentali della nostra vocazione e su come i tre Ordini Francescani vivano in simbiosi. Di sicuro, quello che deve farci riflettere maggiormente in questo tempo forte è il suo spronarci ad essere testimoni veri, senza provincialismi, in modo che la nostra presenza massiccia possa creare una Campania migliore.
Sono giorni, ormai, che le sue parole così semplici, ma così efficaci mi risuonano nella mente: «e se anche nella nostra piccola comunità tutti fossimo ciò che abbiamo professato non vivremmo, probabilmente, in un paese migliore?»
Che questo tempo di attesa possa trasformarsi, per noi, in un tempo di riscoperta della nostra identità di cristiani e possa aiutarci ad eliminare il nostro egocentrismo per far posto davvero a Colui che ci prepariamo a festeggiare.
E sicuramente quel Bambino che ha diviso in due la storia potrà cambiare anche la nostra storia.

Buon Avvento!